giovedì 30 dicembre 2010

Gela, Emergency Oncology, continua la corsa alla solidarietà


Il progetto Emergency Oncology pone le sue basi per continuare il servizio a favore dei malati oncologici. A darne comunicazione Maurizio Cirignotta (movimento polo oncologico di gela) e Salvo Scognamiglio(croce azzurra onlus) in una conferenza stampa svoltasi il 30 dicembre presso la sede di via pozzillo,61. La solidarietà ai malati, sarà assicurata da tre ditte dell’indotto del Petrolchimico Gelese che hanno finanziato il trasporto gratuito verso le sedi di radioterapia della città di Catania. L’impegno spesa che interessa il mese di gennaio 2011 è stato posto a carico delle ditte Implaca (cooperativa metalmeccanica) , Co.sime (manutenzione metalmeccanica di precisione) e Remosa (metalmeccanica) che così assicureranno il servizio di trasporto gratuito. Oltre alla disponibilità economica la ditta “Autonoleggiatori del Golfo Gelese” che attualmente fornisce il servizio porrà a disposizione dei malati un mezzo più capiente avente la disponibilità di 20 posti. Incassata una prima vittoria i responsabili dello sportello emergency oncology stanno già lavorando per il prosieguio del servizio, nei prossimi mesi,infatti, sembra che alcune ditte si stiano accodando alle prime.

M. C.

mercoledì 29 dicembre 2010

Caltanissetta, stili di vita e registro tumori ad un passo dalla verità


Tumori e recludescenze annali di stili di vita sbagliati alla base del desiderio di sapere il perché dell’insorgenza di patologie neoplastiche ed altro. Uno stimolo che ha portato la regione siciliana a regolamentare il sistema dei registri tumori attraverso l’art.27 della nuova legge di riforma del SSR 5/2009 che ha permesso di completare un iter legislativo che era in percorso già dal 2003. La zona della provincia di Caltanissetta è stata accorpata con il registro tumori di Ragusa già in essere da anni e fin dal 1984 quando con decreto assessoriale 46503 è stato istituito. A sancire la nascita del registro tumori anche nella provincia di Caltanissetta la presentazione avvenuta il 14 dicembre 2010 presso il centro “Michele Abbate”. Tra i promotori l’assessore provinciale alle politiche sociali della provincia regionale di Caltanissetta Dott. Gianluca Miccichè che ha affermato “Iniziano oggi i primi passi del registro tumori,in questa giornata daremo certezza ad alcuni dati ad aprile i primi dati sugli stili di vita attualmente sono stae esaminate circa 8000 schede su un campione di popolazione di circa 275000 abitanti,obbiettivo finale arrivare all’autorizzazione AIRTUM dopo tre anni di studi scientifici”. I lavori di presentazione sono stati moderati dal direttore scientifico del Registro Tumori dott. Paolo La paglia, presente il vescovo della diocesi Mons. Mario Russotto che nel suo intervento ha puntualizzato – “la paura nasce dalla non conoscenza,lo spirito di servizio verso il malato e verso la collettività è alla base della religione cattolica”. Tra gli interventi quello del dott. Paolo Cantaro Direttore Generale ASP 3 che ha ribadito-”I dati scientifici sono alla base dello sviluppo delle politiche sanitarie del territorio,oltre al registro tumori ha una importanza rilevante la prevenzione,noi abbiamo avviato lo scrining preventivo sui tumori alla Mammella,Utero e Colon”,a seguire la relazione tecnica del project manager Ing.Carmelo Culora che ha parlato degli obbiettivi e delle attività in corso ,”dobbiamo -dice Culora-migliorare la qualità della vita e sapere il perche dell’insorgenza dei tumori,il costo a carico della collettività è di 0,6 euro ad abitante per la provincia di Caltanissetta rispetto ai 0,9 euro della provincia di ragusa”.. Hanno relazionato anche il prof. Melchiorre Fidelbo del registro tumori di catania che ha riproposto l’importanza dei dati scientifici,”in Italia- ha detto Fidelbo- solo il 26% del territorio è coperto dai registri tumori ,la sicilia in questo senso con la nuova legge 5/2009 si pone all’avanguardia a livello italiano,stiamo costruendo- continua Fidelbo- un fascicolo sanitario oncologico telematico per ogni paziente che sarà utile alla prevenzione ed alla vita del paziente,gli stili di vita possono intervenire nella prevenzione delle patologie oncologica per l’80% il vino nero d’Avola ad esempio ha il più alto tasso di antiossidanti”. Il dott. Anselmo Madeddu epidemiologo siracusano componente del direttivo nazionale dell’Associazione dei Registri Tumori invece ha evidenziato le correlazioni tra le indagini ambientali e le attività del registro. Infine la relazione del Dott Rosario Tumino del registro tumori di Ragusa che ha proposto i primi dati sulla provincia di Caltanissetta. Tra questi quelli di Gela città ad alto tasso di tumori dove si è notata una mortalità oncologica (2004-2007) in media di 154 all’anno mentre invece sono ben 816 le diagnosi di tumore maligno(2004-2008) ogni anno.

Di Maurizio Cirignotta

martedì 28 dicembre 2010

Sanità Siciliana al giro di Boa ,si riducono le tasse e i tiket, 4000 le nuove assunzioni


Dopo un periodo di sangue e lacrime la sanità siciliana esce dallo stato di coma e comincia a vedere alcune positività di bilancio. Già per il 2009, infatti, sono stati individuati circa 21 milioni di euro di come avanzo somme di bilancio che permetteranno di operare al meglio attraverso tre provvedimenti cardine che sono stati presentati il 27 dicembre 2010 dall’Assessore alla Salute Massimo russo e dal Presidente della regione Siciliana Raffaele Lombardo. Il tutto viene incardinato in tre direttive , la prima sarà quella di ridurre l’Irap che dovrebbe passare al 4,67% contro l'attuale 4,82%., l'Irpef dovrebbe essere fissata all'1,37% (attualmente e' dell'1,40%), la seconda invece sarà basata sulla creazione di ben 4000 posti nella sanità siciliana di cui 2500 circa saranno da subito messi a concorso, per ultimo il tassello delle esenzioni ticket che dovrebbe esentare dal pagamento sulla diagnostica un numero elevato di siciliani che si attesterà su un valore di ISEE pari a quello di un soggetto con un reddito annuo di 30.000 euro, con abitazione e autovettura di proprieta', moglie e due figli a carico. Molte le apprensioni che questi provvedimenti determineranno nella sanità siciliana con nota di rilievo per le assunzioni a breve scadenza del personale sanitario. A questo proposito dopo i vari incontri delle organizzazioni sindacali si è deciso di dividere i posti in maniera equa tra mobilità extraregionale/regionale e concorsi. Sono inoltre due le aree identificate per la mobilità quella occidentale(Palermo-Agrigento-Caltanissetta-Trapani) e quella orientale(Catania-Messina-Siracusa-Enna-Ragusa). I posti che saranno messi a concorso sono quelli di infermiere (1.138 posti in totale nei due bacini), tecnico di radiologia (117), fisioterapista (105) e ostetrica (60) per un totale di 1.420 unita' a cui si andranno ad aggiungere quelli della dirigenza medica che si aggirano intorno alle 1.087 assunzioni e saranno effettuate attraverso lo scorrimento delle graduatorie (147), i concorsi (606) e la mobilita' (334). Sara' cosi' colmata una vistosa carenza d'organico che negli ultimi anni ha riguardato soprattutto la Sicilia orientale. I nuovi bandi di gara saranno pubblicati nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana di venerdi' 31 dicembre 2010 e sono stati concepiti per assicurare trasparenza nelle assunzioni e la estrema rapidita' nella compilazione delle graduatorie, l’Asp di Palermo, capofila di bacino, infatti ha deciso di attivare una piattaforma telematica per la presentazione delle domande che faranno riferimento al sito http://www.concorsi.asppalermo.org.

Di Maurizio Cirignotta

sabato 25 dicembre 2010

UN NATALE ALL’INSEGNA DI GANDHI


Sotto il natale sono molti i pensieri di amore e di solidarietà ,solo una fugace pausa riflessiva che poi riconduce l’uomo alla storia di sempre ed alle dimenticanze quotidiane. Un insegnamento di vita che invece deve continuare attraverso la riscoperta degli insegnamenti di Mahatma Gandhi. Un dettaglio importante prende corpo attraverso le sue parole “Non si dovrebbe celebrare la nascita di Cristo una volta all'anno, ma ogni giorno, perché egli rivive in ognuno di noi. Gesù è nato e vissuto invano se non abbiamo imparato da lui a regolare la nostra vita sulla legge eterna dell'amore pieno. Là dove regna senza idea di vendetta e di violenza, il Cristo è vivo. Allora potremmo dire che il Cristo non nasce soltanto un giorno all'anno: è un avvenimento costante che può avverarsi in ognuna delle nostre vite. Quando la legge suprema dell'amore sarà capita e la sua pratica sarà universale, allora Dio regnerà sulla terra come regna in cielo. Il senso della vita consiste nello stabilire il Regno di Dio sulla terra, cioè nel proporre la sostituzione di una vita egoista, astiosa, violenta e irragionevole con una vita di amore, di fraternità, di libertà, di ragione. Quando sento cantare "gloria a Dio e pace in terra agli uomini di buona volontà" mi chiedo oggi come sia reso gloria a Dio e dove ci sia pace sulla terra. Finché la pace sarà una fame insaziata, finché noi non saremo riusciti a rinascere come uomini illuminati dallo Spirito, a instaurare con le persone rapporti autentici di comunione da cui siano estranei i sorrisi forzati, l'invidia, la gelosia, la falsa cortesia, la diplomazia, finché non avremo come senso della vita la ricerca della verità su noi stessi, del giusto, del bello, finché non saremo capaci di spogliarci del non autentico, di ciò che abbiamo di troppo a spese di coloro che non hanno niente, finché continueremo a calpestare i nostri sogni più belli e più profondi, il Cristo non sarà mai nato. Quando la pace autentica si sarà affermata, quando avremo sradicato la violenza dalla nostra civiltà, solo allora noi diremo che "Cristo è nato in mezzo a noi". Allora non penseremo tanto ad un giorno che è un anniversario, ma ad un evento che può realizzarsi in tutta la nostra vita. Se dunque si augura un "buon Natale" senza dare un senso profondo a questa frase, tale augurio resta una semplice formula vuota”.

Di Maurizio Cirignotta

giovedì 23 dicembre 2010

Gela, manifestazione “l’ammalato uno di noi”



Manifestazione di cartello a Gela ,dedicata ai malati oncologici. Una riunione a sfondo natalizio che ha visto la presenza di centinaia di malati oncologici che si sono riuniti ,presso la sede del palazzo ducale in gela giorno 23 dicembre per discutere delle problematiche che attanagliano il Gelese da anni. La mancanza di servizi e di reparti dedicati ancora non permette di essere autonomi dal punto di vista sanitario. La salute purtroppo a Gela parla ancora di viaggi della speranza e di mancanze fondamentali anche per mantenere i livelli essenziali di assistenza e di diagnostica. Presenti all’evento il Sindaco del comune di Gela Avv. Angelo Fasulo, il vice sindaco Fortunato Ferracane, il Presidente del Movimento Polo Oncologico di Gela Maurizio Cirignotta, il Dott. Giuseppe Di martino chirurgo-oncologo,il Dott. Roberto Valenza oncologo ,il Dott. Giampaolo Alario-terapia del dolore-Anestesista. Tra gli interventi quello di maurizio cirignotta, che ha parlato di “relazione di aiuto” e di volontariato con attenzione anche ad alcuni dati del neonato registro tumori Ragusa-Caltanissetta. Nella estrapolazione dei dati di Gela infatti sono venuti fuori numeri allarmanti , sono infatti ben 4083 le diagnosi di tumore maligno nel quinquennio 2004-2008 con una media annuale di ben 816 casi. Dalle certificazioni di morte si evince invece che sono 618 i morti per tumore a Gela nel quadriennio 2004-2007 con una media annuale di 154 morti. Il dott. Roberto valenza nella sua dissertazione ha esortato i movimenti ad essere più incisivi verso le istituzioni visto che dopo anni ancora oggi non esiste praticamente un reparto di oncologia medica funzionante nelle 24 ore e gran parte dei malati è costretto ad emigrare per potersi curare. Maggiore attenzione per le problematiche dell’assistenza domiciliare da parte del dott. Giampaolo Alario che ha ribadito come la nuova legge regionale siciliana 5/09 ha gli strumenti per potere attivare questi servizi. occorre solo applicare il buon senso. Infine il dott. Giuseppe di Martino, padre della tecnica del linfonodo sentinella a Gela , ha indicato di agire in maniera comune attraverso una conferenza dei sindaci dell’aria ad alto impatto ambientale, costituita dal comune di gela,niscemi e butera, per creare una grandeinfrastruttura unica e dedicata all’oncologia multisettoriale che operi a 360° gradi sul malato. La manifestazione infine è andata verso il suo epilogo attraverso una vera montagna di panettoni e pandori che sono stati donati a tutti i malati oncologici presenti.

M.C

domenica 19 dicembre 2010

Natale 2010, l’anno del riciclo dei regali


Crisi economica,mancanza di lavoro,cassa integrazione tutti tasselli che hanno un unico denominatore, la nuova povertà. Un sistema quello italiano che vuole far credere che non esiste il disagio economico delle famiglie mentre nella realtà inflazione ed aumenti sono sotto l’occhio di tutti i consumatori. Un momento difficile che passa invece da una serie di stratagemmi utili per affrontare il natale 2010. A sancire una visione attenta l’associazione contribuenti italiani che ha valutato come quest’anno il riciclo dei regali natalizi passerà dal 26% del 2008 al 37% del 2010. Sarà infatti 1 italiano su 3 che riciclerà i regali e lo farà nel 36% per abitudine, mentre nel 34% per una situazione di mera ristrettezza economica ,il 14% invece lo farà per vendetta,un altro 10% per svuotare gli armadi,infine il 6% non ha tempo di girare per i negozi. Nella speciale classifica degli oggetti riciclati troviamo: 1)Panettone, pandoro e scatole di cioccolatini, 2) Candele e oggetti natalizi 3) Soprammobili 4) Bagnoschiuma e saponette 5) Collanine e braccialetti 6) Borsellini, portafogli e portachiavi 7) Cravatte e collane 8) Foulard e sciarpe 9) Spumante e vini 10) Agende, libri e dvd. Certamente tutto questo è la rappresentazione di una nuova società che cambia che abbandona gli sprechi per affrontare nuove necessità.

Di Maurizio Cirignotta

Gela,falsi poveri con cellulare e televisori al plasma


Attacco alle istituzioni da parte di molti falsi poveri di Gela che non hanno accettato il contributo una tantum di 400 euro che l’amministrazione comunale ha erogato in riferimento alle domande presentate. Cadono le vecchie abitudini basate sulla concessione di bonus di 1500 euro a persone che fondamentalmente erano dei falsi poveri. Il tutto,infatti, avveniva senza nessun controllo crociato con il codice fiscale e l’amministrazione finanziaria o attraverso visite mirate dei servizi sociali . I veri poveri, invece, altro risvolto della medaglia non si sono mai lamentati ed alcuni vivono ancora oggi dormendo nelle auto o senza energia elettrica.. Un momento di riflessione che riconduce ad altre prese di posizioni già in uso in altri territori che hanno avuto la forza di contrastare il substrato mafioso che si nasconde dietro le false povertà. Forse territori diversi ma con problemi simili legati comunque ad un patto di stabilità ed ai tagli agli enti locali voluti dal governo. Tra gli esempi che potrebbero essere presi a confronto quello del sindaco di Nuraminis (Cagliari) Stefano Anni che con un’ordinanza schok ha dichiarato guerra ai falsi poveri,alla base dell’ordinanza il possesso di una serie di beni considerati di lusso. Tra questi sono stati annoverati -dallo stesso sindaco- il cellulare di ultima generazione,l’aria condizionata ed il televisore al plasma .Chi possiede a Nuraminis questi beni , considerati di lusso, non avrà più diritto ad avere sussidi di povertà . A Gela invece si continuerà a dare contributi a pioggia anche ai falsi poveri?.

Di Maurizio Cirignotta

sabato 18 dicembre 2010

Escozul, antitumorale o credenza popolare ?


Il pianeta oncologia ha visto negli anni varie scoperte sensazionali ,collegate, sempre a sostanze miracolose che poi si sono rivelate poco efficaci. Nello sviluppo mediatico di talune credenze popolari, la giusta voglia di guarire con l’innesco di un processo psicologico collettivo. L’ultimo in ordine di tempo è l’escozul che a detta di molti sembra avere degli effetti antitumorali. L’escozul è una sostanza che viene estratta dal veleno dello Scorpione Azzurro di Guantanamo (Cuba) come si può evincere dalla scomposizione della stessa parola Escorpion - Azul .Viene prodotta dall’Istituto “Labiofarm di l’Avana” e viene dato in forma gratuita a chi ne fa richiesta attraverso esibizione di ricetta medica con diagnosi di tumore.. La sua azione farmacologica è quella di essere un potente antiinfiammatorio ed analgesico,viene infatti usato nei pazienti oncologici solo per ridurre l’uso di morfina. L’azione antitumorale a detta di alcuni sembra invece essere collegata all’inibizione dell’angiogenesi nei processi di vascolarizzazione dei tumori. A Cuba il farmaco è poco conosciuto e nessuno ne parla, sembra infatti che non rappresenti il miracolo di cui tutti parlano,non esiste nessuna casistica clinica accertata e gli stessi medici Cubani prendono le distanze sulla reale efficacia antitumorale. Il pellegrinaggio comunque è diventato notevole da tutto il mondo e molti sono in cerca del miracolo.

Di Maurizio Cirignotta

martedì 14 dicembre 2010

Fiducia al governo,vince la corruzione?


Il parlamento Italiano approva la fiducia al governo e rimanda al mittente la mozione di sfiducia evocata dall’On. Fini. Nella mattinata il Senato aveva già votato la fiducia al governo con 162 voti a favore 135 contrari ed 11 astenuti, ma l’attesa principale era puntata sulla camera dove si dovevano decidere le sorti del governo Berlusconi. La realtà è stata ben diversa dalle aspettative e si è chiaramente notato come i nostri onorevoli votino per interesse personale e non per adesione di partito ,questo rappresenta la fine di ogni ideologia di destra o di sinistra e sancisce la nascita di un sistema alienante basato su un ago della bilancia che fluttua nel sospetto del dubbio e nella la chiara capacità da parte di qualcuno di poter gestire il potere a suon di denaro o di sospette corruzioni (chiusura di aziende personali ?). Il messaggio infatti che la camera ha maggiormente dato con la risicata maggioranza ,voti 314 a favore e 311 contrari è quello della “vergogna” che si basa su un gruppo di rappresentanti politici che prima eletti in talune fazioni politiche poi votano contro e saltellano da destra a sinistra senza nessun ritegno , nessuno di loro, però, ha mai pensato all’elettorato che li ha eletti. Cosa dire di coloro che parlano di Sud mentre nella realtà fanno gli interessi della Lega? Questa purtroppo è la rappresentazione verticistica del sistema Italia che vige e serpeggia a tutti i livelli,in nome del popolo.


Di Maurizio Cirignotta

mercoledì 8 dicembre 2010

Wikileaks viene oscurato forse si vogliono nascondere molte verità?


Finalmente il potere degli stati ed il controllo sulla libertà di informazione scopre le sue carte , oscurato il sito di Wikileaks. La notizia è stata diffusa nei giorni scorsi da Amazon proprietario dei server dove il dominio Wikileaks.org era allocato,la motivazione dalla violazione il mancato e responsabile uso degli strumenti collegati al dominio. Non vi sono quindi pressioni politiche sull’accaduto o ipotetici attacchi informatici. Le notizie intanto continuano a viaggiare sul web attraverso il nuovo indirizzo ip 213.251.145.96 o su www.wikileaks.ch e sui centinaia di mirror che stanno appoggiando Wikileaks in tutto il mondo. Si può parlare di vera guerra informatica basata sulla libertà d’informazione che ha l’intento di minare i disegni nascosti e gli equilibri degli stati che sembrano essere sotto il giogo del lato oscuro di un ordine mondiale di controllo . L’arresto in Inghilterra ha creato una rappresaglia da parte dei fan e l’entrata in campo a favore di Assange di un importante avvocato “Robertson” che ha condotto molte battaglie a favore dei diritti dell’uomo.Un’allocazione mentale comune crede,comunque,in un nuovo ordine mondiale di forze negative che si stà sviluppando per sovvertire il sistema globale a proprio piacimento,sarà tutto vero?

Di Maurizio Cirignotta


Approfondimenti

lunedì 6 dicembre 2010

Tredicesime in fumo per gli italiani ,serviranno solo a pagare “tasse e balzelli”


Addio regali e regalini per parenti ed amici, gli italiani ,infatti, in attesa della sospirata tredicesima hanno accumulato già una lunga lista di tasse e balzelli le cui scadenze sono proprio nel mese di dicembre e nel prossimo gennaio 2011 tra gli altri ,bolli auto,canone rai. Le tredicesime che in Italia dovranno essere pagate nei prossimi giorni dallo stato, ammontano a 36,1 miliardi di Euro(+0,9 MLD rispetto al 2009): 9,5 MLD andranno ai lavoratori pubblici; 16,1 ai dipendenti privati e 10,7 MLD ai pensionati. L’associazione contribuenti Italiani, nel dettaglio, ha indicato che il 69% degli italiani utilizzerà la sospirata tredicesima per pagare i debiti contratti negli anni con il fisco, il 14% per fare regali natalizi ed il 13% per pagare mutui, assicurazioni, tasse locali e solo il 4% la destinerà al risparmio familiare". Si prevede quindi un vero calo nei consumi e si prospetta una regressione dell’ 8,6%. Saranno 2 famiglie su 3 a dovere tagliare le spese familiari per pagare molte tasse arretrate. Alcuni pensano ancora alla benedetta Lira che sicuramente avrebbe mantenuto un decoroso regime di vita. Intanto il governo trattiene miliardi di euro attraverso i crediti Irpef che rappresentano somme utilmente spendibili e di proprietà dei contribuenti.

Di Maurizio Cirignotta