mercoledì 31 gennaio 2007

Caltagirone:Negato agli Allievi Infermieri il diritto all’Utilizzo della Mensa Aziendale dell’Ospedale



Al Magnifico .Rettore Dell’ Universita’di Messina

Al Direttore Generale
Az. Ospedaliera “Gravina” Caltagirone



In riferimento a lamentele arrivate al nostro movimento in sede locale vogliamo sensibilizzare le SS.VV sull’argomento ”Mensa” ,oggetto di notevole disagio da parte degli studenti allievi Infermieri che frequentano il corso universitario in Infermieristica ,avente sede decentrata presso l’Azienda Ospedaliera di Caltagirone ,affinché possiate tener conto ,nell’ambito di un diritto allo studio universitario garantito nella sua globalita’ e senza nessuna differenza territoriale, della mancanza di un servizio di ristorazione che alla data odierna e’ stato sospeso nell’utilizzo della locale mensa ospedaliera aziendale con gravi oneri economici per gli studenti che non hanno nessuna convenzione paritetica presso esercizi esterni in loco.Certi di una vostra attenzione verso i bisogni degli studenti e verso il rispetto di un diritto si coglie l’occasione per porgere cordiali saluti.

domenica 28 gennaio 2007

Strisce Blu a pagamento: Che l’Amministrazione Comunale di Gela si adegui alla Sentenza della Cassazione 116/2007 .




L’organizzazione dei parcheggi a Gela specie nel centro storico recentemente ha subito una trasformazione che ha messo in difficolta’ molti cittadini ed operatori economici che si trovano costretti a pagare un pedaggio di 0.60 cent per una sosta di 60” che molte volte non permette di poter fare shopping o sbrigare faccende amministrative nella centralita’ cittadina,quindi pagare solo pagare questo e’ il dictat dell’Amministrazione comunale.
A questo proposito viene in aiuto dei cittadini una recente sentenza della corte suprema di cassazione sezioni unite e Civili n° 116/2007 in cui si dice che” le multe degli automobilisti che parcheggiano nelle aree a pagamento sono nulle se vicino a quelle zone non è stato predisposto anche un parcheggio gratis come previsto dal comma 8 dell’art.7 del Codice della Strada”. Alla luce di questa sentenza e in rapporto alla realta’ di Gela L’altra Sicilia crede che sia doveroso nei confronti dei cittadini e nel rispetto della legalita’ una identificazione immediata delle aree di parcheggio non a pagamento nel limite del 50% del totale specie nella Centralita’ cittadina.




domenica 14 gennaio 2007

Gela: Cittadini attivi costretti all’autotassazione per comprare le Tabelle di segnalazione viaria di “Manfria Frazione” .


Il comitato “Torre di Manfria” viste le continue inadempienze dell’assessorato competente alla Viabilita’ del Comune di Gela ,che lamenta sempre mancanza di Fondi o altro ,si e’ trovato costretto ad autotassarsi nell’acquisto delle Tabelle indicanti la Frazione di Manfria nella S.S Gela-Licata che taglia la stessa frazione in due parti ed e’oggetto di pericolo continuo per gli abitanti in relazione all’aumento del transito viario pesante proveniente dal vicinorio sbocco dalla Caltanissetta –Gela(Zona Industriale di Butera) che dalla sua apertura al traffico e’ stato fonte di disagio per gli abitanti della frazione in quanto il mancato posizionamento di una segnaletica adeguata pone una non sicurezza dei residenti nei vari accessi alla S.S in oggetto secondo quanto prescritto dalle leggi vigenti.
Il comitato inoltre comunica visti i fatti che provvedera’a consegnare personalmente le tabelle di segnalazione relative della Frazione di Manfria al Competente Assessorato che si spera faccia il suo dovere nei confronti dei cittadini abitanti di Manfria posizionando le stesse nei siti di destinazione e migliorando la sicurezza.

venerdì 5 gennaio 2007

Un Polo Sanitario di 3° Livello per Gela

Al Presidente del Consiglio dei Ministri
On.Romano Prodi

Al Ministo della Sanita’
On.Livia Turco

All’On. Dioguardi Daniela

Al Presidente della Regione siciliana
On.Toto’ Cuffaro

All’Assessore alla Sanita’ della regione Siciliana
Prof.RobertoLa galla

Al Sindaco del Comune di Gela
Rosario Crocetta

Al Presidente del Consiglio Comunale di Gela
Pino Federico


Oggetto: Richiesta di riformulazione organizzativa e qualitativa del Servizio Sanitario Regionale nella Zona Sud della provincia di Caltanissetta con la creazione di un’azienda ospedaliera di terzo livello a Gela.



Il nostro territorio situato nella zona sud della provincia di Caltanissetta comprendente i comuni di Gela,Niscemi,Mazzarino,Butera e Riesi e’ stato da anni tenuto in scarsa considerazione dal servizio sanitario regionale che non ha concretamente attenzionato i molteplici bisogni sanitari della popolazione residente, mancando l’appuntamento ad un diritto alla salute nell’ambito di un’utenza di circa 250.000 abitanti.

La nostra sanita’deve essere funzionale ed a misura di cittadino prevedendo una netta riduzione dei tempi di attesa per esami diagnostici o per visite specialistiche senza denotare o denunciare come oggi succede tempi di 150 gg per una visita ortopedica o per una semplice ecografia.

La volonta’ del cittadino che noi abbiamo rappresentato alle SS.VV con 12750 firme e’ sicuramente quella di favorire l’implementazione di una struttura portante di 3°livello che abbia come elemento trainante l’oncologia ma che sia all’avanguardia per la diagnostica multisettoriale nell’ambito di varie patologie ruotanti sia nell’aria medica che chirurgica onde sopperire ad un bisogno di sanita’ completamente autosufficiente nel nostro territorio riducendo cosi’ distanze di circa 100 km ad oggi esistenti..

Ma l’azione organizzativa e lungimirante di politica sanitaria che il nostro movimento propone e’ da considerarsi anche predisponente all’apertura di una porta di alta specialistica verso l’oriente in relazione anche all’area di libero scambio che vedra’ i suoi lumi nel 2012 e che ci vede in primo impatto presenti come porta d’ingresso verso l’Europa.

Una naturalezza di sviluppo sanitario come polo di 3° livello diremo obbligatoria vista l’apertura a Maggio del 2007 dell’aeroporto di Comiso e delle conseguenti situazioni di pericolo che si possono eventualmente determinare nell’ambito del territorio senza naturalmente dimenticare l’insediamento industriale rappresentato dalla raffineria di Gela.

Una molteplicita’ di fattori che pongono Gela come centro logistico importante nell’ambito sanitario della zona sud della provincia di Caltanissetta con un raggio di azione ruotante nell’ambito dei 50 km e che riesce a comprendere anche le cittadine di Vittoria,Comiso e Licata come bacino d’utenza.

La nostra richiesta inoltre trova anche applicazione nel recente piano sanitario nazionale di cui al D.P.R. 07.04.2006,G.U. 17.06.2006 dove si favorisce il decentramento di molte competenze sanitarie anche in rapporto alla Popolazione Residente ed alle esigenze delle realta’ Territoriali dei comprensori ad alta densita’ abitativa ed ad alto inpatto ambientale.

Con Osservanza.

Per Movimento Polo Oncologico
Maurizio Cirignotta